Dopo le difficoltà dello scorso anno, dovute alla soppressione dello scuolabus e all'introduzione del fallimentare sistema del car-pooling scolastico, quest'anno le difficoltà riguardano i molti ragazzi della scuola media che utilizzavano il Girospinea per andare e tornare da scuola (anche in sostituzione dello scuolabus soppresso). 

Il percorso del Girospinea ha subito dei cambiamenti (in funzione del trasferimento del distretto sanitario)  per agevolare la popolazione anziana; peccato che non si sia colta l’occasione per aggiustare anche quel problema di orario che inizialmente richiedeva ai ragazzi della scuola media Vico di uscire prima da scuola per prendere la corsa del ritorno a casa (ad essere particolarmente in difficoltà sono i ragazzi delle frazioni periferiche di Spinea, specialmente quelli di Fornase): non solo non si aggiustano i problemi, se ne aggiungono di nuovi! Di più: non sono state neppure considerate le richieste di alcune associazioni di disabili di Spinea!

Il tutto naturalmente senza alcun preavviso, tanto che molti alunni hanno già acquistato l'abbonamento annuale all'Actv, per un servizio di cui di fatto, al momento, non possono usufruire.

Leggiamo dal comunicato sulla pagina web che già ieri mattina "l’Assessora Mainardi ha ricevuto una delegazione di genitori preoccupata per i nuovi orari del Girospinea che presentano alcune criticità rispetto alle esigenze di entrata ed uscita dei ragazzi da scuola", e che "A breve si terrà un incontro in Municipio tra Sindaco e genitori".

Bene, ma vorremmo ricordare all'amministrazione che la scuola ha inizio ogni anno, all'incirca a metà del mese di settembre, e non è possibile che ogni anno si verifichino disagi e problemi come se si trattasse di un evento non programmato o non prevedibile, e non può trattasi ogni volta di semplici “sviste”. La fiducia purtroppo, comincia a vacillare quando gli episodi di superficialità, di inefficienza e incuria si ripetono mettendo in difficoltà guarda caso sempre le stesse fasce di popolazione. Ci auguriamo che da qui l’amministrazione e gli uffici comunali possano finalmente invertire la rotta e ripartire incontrando e ascoltando – senza paura - TUTTI i cittadini (anche quelli “scomodi”), lavorando con dinamicità e solerzia, desiderosi di accogliere e valutare consigli nei momenti decisionali. Ci auguriamo cioè che non rimanga solo un proposito ma divenga realtà nei fatti quanto scrivono l'Assessore Mainardi e il Sindaco Checchin il 12/09/16 nella lettera di auguri per l'inizio del nuovo anno scolastico: "Come sempre non mancheremo, nel limite del possibile, di mantenere le scuole sicure, funzionali, e accoglienti, e di offrire il necessario supporto all’espletamento dell’attività formativa mettendo in campo tutte le risorse e le competenze di cui l'Amministrazione Comunale dispone per realizzare sinergicamente interventi didattico educativi e formativi di rilevanza particolare".

Venerdì 16 settembre è fissato tra il Sindaco Checchin, i vertici ACTV ed i vertici dei due istituti comprensivi di Spinea un incontro per valutare soluzioni ai disguidi segnalati. Auspichiamo una rapida risoluzione.