La consigliera Mazzotta del Movimento 5 Stelle chiede all'Assessore all'Istruzione"quale decisione sia stata presa in merito al servizio SCUOLABUS per l’A.S. 2015/16 che inizierà a settembre: il servizio ci sarà o no?”

È una domanda così chiara e inequivocabile che non verrebbe mai da pensare che non vi si possa rispondere, eppure in seduta di Consiglio Comunale l'assessora all'istruzione Loredana Mainardi è stata incapace di rispondere! Ha cambiato la parola scuolabus in carpooling ed ha solamente finto di rispondere all'interrogazione.

Non è la prima volta che l'assessora glissa alle nostre domande in tema di scuola, non sa o finge di non sapere, come quando chiedemmo con qualche mese di anticipo di confermare o meno se l'intenzione dell'amministrazione fosse quella di chiudere definitivamente la scuola Grimm (eventualità poi puntualmente verificatasi), oppure le sue risposte confuse quando non palesemente errate, sempre in merito ai problemi della struttura della scuola Grimm e che molta indignazione hanno suscitato nei genitori presenti in quell'occasione.

Il Comune di Spinea non intende quindi erogare il servizio del pulmino scolastico ma non ha il coraggio di dirlo in faccia ai suoi cittadini! Si preferisce liquidare i genitori con dei vaghi "non si sa" o "non si è ancora deciso nulla". È ora di dire basta: se volete togliere il servizio alle famiglie abbiate il coraggio di dirlo chiaro e tondo!

Questo episodio è l’ennesimo insulto verso i cittadini ed alla loro intelligenza. Le famiglie hanno la necessità di organizzare il proprio tempo in funzione delle esigenze dei loro figli, è loro diritto essere informate in tempi corretti, non è possibile essere lasciati all'oscuro per mesi per poi essere messi di fronte a fatto compiuto!

Il nostro timore infatti è che oramai, oltre alla volontà, possano mancare i tempi, per attivare il servizio scuolabus per il prossimo anno scolastico, il che lascerebbe di fatto a piedi chi non ha aderito o non intende avvalersi del carpooling. Anche questo abbiamo chiesto all'assessora Mainardi: se ci fossero i tempi per raccogliere le adesioni ed affidare il servizio o quali azioni intenda mettere in atto l’Amministrazione per garantire a tutti gli studenti pari opportunità di raggiungere i plessi scolastici. Ma nemmeno a queste domande l'assessore ha voluto rispondere.